Assicurazioni e 730: detraibilità

Le assicurazioni possono essere portate in detrazione nel 730. Non tutti lo sanno ma i premi assicurativi per le polizze stipulate per sé o per i familiari a carico rientrano tra le spese detraibili.

Le condizioni:

a portare in detrazione le spese deve essere il contraente della polizza, non necessariamente deve essere anche l’assicurato. Questo può essere anche un familiare fiscalmente a carico del dichiarante.

Non ci sono franchigie per i premi assicurativi ma possono esserci dei limiti di spesa per portarli in detrazione.

Quali assicurazioni si possono portare in detrazione?

Assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni danno diritto alla detrazione del 19%

In questi casi è necessario che:

  • le polizze siano state sottoscritte o rinnovate entro il 31 dicembre 2020,
  • il contratto assicurativo abbia durata non inferiore a 5 anni

E’ necessario sottolineare che:

  • nelle assicurazioni per rischio morte e invalidità è detraibile solo la parte di premio riferibile al rischio morte.
  • nelle assicurazioni per invalidità è detraibile solo la parte di premio riferita all’invalidità permanente non inferiore al 5%.
  • Anche le assicurazioni per il rischio infortuni al conducente stipulate con l’RC Auto rientrano tra le spese ammissibili solo per quanto riguarda la parte di premio relativo all’infortunio.

Il limite di spesa massimo ammissibile su cui verranno calcolate le detrazioni fiscali è pari a euro 530,00 anche in presenta di più contratti assicurativi.

Per le assicurazioni finalizzate alla tutela delle persone con disabilità grave accertata dalle AUSL locali tramite commissioni mediche, il limite di spesa per questi premi è di 750,00 euro.

Per le Assicurazioni aventi per oggetto il rischio di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana: i premi sono detraibili solo in presenza di clausola che impedisca alla Compagnia assicurativa di recedere dal contratto. L’importo massimo del premio è pari a 1.291,14 euro.

Capitolo a parte per le assicurazioni per eventi calamitosi/catastrofali: possono essere portate in detrazione solo se relative a unità immobiliari ad uso abitativo. Non è prevista franchigia né limite di spesa. Con il Decreto Rilancio e l’istituzione del Superbonus 110% le spese detraibili per queste polizze sale al 90% se il contratto è stipulato contestualmente alla cessione del credito ad una compagnia assicurativa.  (scopri di più sulle tutele assicurative relative al superbonus 110%)

Tracciabilità e limiti di reddito per le detrazioni

Il requisito fondamentale per poter ottenere le detrazioni anche per i premi assicurativi è la tracciabilità dei pagamenti e i limiti di reddito. Infatti è necessario che il pagamento sia stato effettuato mediante bonifico o pagamento tramite pos. Quindi, non è ammesso il pagamento in contanti. Il contribuente dovrà presentare regolare documentazione e prova di pagamento cartacea (fattura, ricevuta fiscale, estratto conto, copia del bollettino postale o del MAV, ricevuta bancomat, ecc.), oltre alla copia del contratto di assicurazione, con i dati del contraente e dell’assicurato, il tipo di contratto, la decorrenza e gli importi fiscalmente rilevanti.

Per ottenere la detrazione spettante per i premi assicurativi è necessario che il dichiarante non superi i 120 mila euro. Superata questa soglia, l’importo della detrazione decresce. Nel caso si superino i 240 mila euro non si ha diritto ad alcuna detrazione



Invia
1
Scrivi qui
Avvia da qui una conversazione su WhatsApp :)